Lunedì, 05 Ottobre 2015 14:09

A ogni età il suo taglio

Basta un taglio sbagliato per dimostrare più o meno anni di quelli che vogliamo. Da cosa può dipendere? Semplicemente dal fatto che esiste la piega giusta per qualsiasi momento della vita.

Che abbiate 20, 30, 40, 50 o 60 anni... il risultato non cambia! Se rispetterete la regola d’oro del taglio di capelli, ovvero quella di tenere sempre conto della forma del viso, il vostro hairstyle non potrà che essere impeccabile! Perché anche un taglio perfettamente eseguito può rivelarsi un vero e proprio disastro se non abbinato al viso giusto

Al D Salon abbiamo individuato gli haircut più indicati per ciascuna fascia d'età, tenendo conto dei cinque traguardi della vita più importanti, dove i vostri gusti tendono a cambiare e dove ogni taglio può giocare a vostro favore o rovinare irreparabilmente il vostro look!

Poche storie, per una donna il taglio di capelli rientra tra le decisioni più difficili e sofferte da prendere. Non bisogna mai lasciarsi trascinare dall’euforia del momento e scegliere un taglio in maniera affrettata, senza un approfondito ragionamento dietro e soprattutto senza tenere conto della struttura del proprio viso.

Affinché siano valorizzati al meglio il viso e i suoi lineamenti, il taglio giusto deve assolutamente seguire tre semplici regole:

1.     Deve accentuare i pregi

2.     Deve bilanciare le proporzioni

3.     Deve camuffare i piccoli difetti

Detto questo, occorre però specificare che ad ogni cambio d'età corrispondono esigenze di look diverse. Un taglio che può andare bene ad una ventenne non è detto che sia adatto anche alle over 40, 50 o 60. Ogni taglio di capelli è un vero e proprio atto di fede, poiché comporta un accordo solenne fra chi maneggia le forbici e chi si lascia “sforbiciare”: ci si affida infatti completamente all’esperienza del proprio hairstylist per trovare il taglio che meglio valorizzi la propria bellezza.

A ogni età i suoi capelli e a ogni taglio la giusta fascia d’età:

20 ANNI
A questa età è giusto giocare con il look, anche perché se non ora, quando? Sperimentate e osate con tagli e colori “ad effetto” e mai scontati. Tra i tagli “must” troviamo sicuramente il popolarissimo pixie cut, il taglio di capelli corti che s’identifica con Twiggy, la modella più famosa della Londra Anni ’60. Questo look è ancora attualissimo e caratterizzato da ciocche di lunghezze diverse nella parte posteriore (più corta) e in quella anteriore (più lunga). A questo caschetto cortissimo, dall’allure retrò, va assolutamente abbinato un colore uniforme, che attiri l’attenzione e valorizzi al meglio la linea del mento: il biondo ramato o platino per donare vibrazione con uno styling non troppo aderente alla testa ma più “leggero” e spettinato per un effetto incredibilmente trendy. Se invece non volete rinunciare al lungo, optate per hairstyling lunghi e scalati che incornicino il volto. In questo caso il colore uniforme è tassativamente bandito: meglio scegliere una colorazione come il degradè per assicurarvi gradazioni naturali che daranno maggior risalto allo sguardo, rendendolo ancora più sensuale e sofisticato.

30 ANNI
Questi sono gli anni in cui si desidera un look personale, che sia in grado di mascherare i nostri difetti e valorizzare al meglio i nostri punti di forza. Il taglio da scegliere? La scelta è semplice, basta tenere conto dei nostri lineamenti e optare per un taglio che ci contraddistingua e sia semplice da gestire: via libera a tagli versatili e chic, dall’allure boyish o iper femminile, caratterizzati da linee “suggerite” e non troppo grafiche. Da privilegiare c’è sicuramente il long bob, un taglio in grado di garantire la massima libertà d’espressione. Personalizzabile con scalature, giochi di volume e di forme, frangette leggere o onde morbide, il lob tende ad addolcire i lineamenti andando a mascherare le prime rughe. Quanto al colore, scegliete i biondi freddi dai riflessi siderali e bruni vibranti e metropolitani per un look impeccabile e moderno o buttatevi su sfumature simili a quelle regalate dal sole, che illuminano, scolpiscono e, se necessario, mimetizzano i primi capelli bianchi.

40 ANNI
A questa età lo stile è già ben definito. Ma questo non significa che non esistano altri look originali e di tendenza ai quali possiate ispirarvi per donare una rinnovata freschezza, eleganza e femminilità alla vostra chioma. I tagli da preferire sono le lunghezze medie come il bob shaggy o il long bob, che assicurano un effetto “lift” al volto. Meglio se scalati morbidi, per un plus di movimento e volume, e con asimmetrie e sfilature per un effetto finto messy ma incredibilmente glamour. Il colore? Giocate la carta dell’effetto capelli baciati dal sole. Se siete scure, schiarite le ciocche che incorniciano il volto per dare maggiore luminosità; se invece siete chiare, provate con gli highlights, cercando però di non eccedere con i contrasti.

50 ANNI
Il ruolo fondamentale del taglio in questa fascia d’età è quello di farvi sembrare più giovani. Che scegliate un pixie cut o una versione extreme del bob, il suggerimento è sempre lo stesso e valido per tutte: restate sempre sul classico e non esagerate mai con lo styling! Se volete mimetizzare le linee d’espressione o i segni del tempo, optate per una frangia lieve. Se invece non volete rinunciare completamente alla lunghezza della vostra chioma, scegliete tagli di lunghezza media che arrivano a sfiorare le spalle e regalano una rinnovata freschezza al viso. Non dimentichiamoci poi delle scalature, il metodo migliore per donare maggiore volume alla chioma e valorizzare al meglio i lineamenti. Per quanto riguarda il colore, optate per toni uniformi e caldi, illuminati da giochi di luce e schiariture.

60 ANNI
I 60 sono i nuovi 50! Una verità che vale anche per i vostri capelli, quindi perché rassegnarvi ad un look da signora “agée”? Scegliete una variante mossa del pixie cut o un altro taglio corto che vi ispiri particolarmente e che arrivi al mento o poco più. L’importante è che sia ben strutturato e ricreato in modo tale da essere adeguato alla vostra persona, ai lineamenti e soprattutto al tipo di capello. Quanto al colore, sceglietelo in base alla vostra carnagione e preferite sempre le tonalità calde. Se eravate scure, orientatevi verso toni castagna luminoso; se invece eravate chiare, preferite biondi dall’effetto perlato.